EsservicesConsulenza ad enti ed imprese.
discarica
Regione

Accelerare il piano di gestione dei rifiuti per superare le criticità emerse sulla durata della discarica di Brissogne

diTiziana Limonet
09 aprile 2017
Il 7 aprile 2017, si è riunito l’Osservatorio regionale dei rifiuti (ORR), per esaminare i principali temi che riguardano il Piano regionale di gestione dei rifiuti e la sua attuazione.

L’Assessore ha dato notizia all’Osservatorio della ricognizione che ha fatto svolgere, dopo il suo insediamento, sul processo di gestione dei rifiuti in Valle d’Aosta. Da questa indagine è emerso che la discarica di Brissogne esaurirà la capacità di smaltire i rifiuti entro la metà del 2018. Ciò comporterà la necessità di individuare una nuova destinazione dei rifiuti che verranno prodotti, in una fase emergenziale la cui durata dipenderà dalla qualità delle scelte che saranno adottate e dalla capacità di attuarle in modo corretto e rapido.

In questa prospettiva, è necessario dare nuovo impulso all’attuazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti, individuando le migliori scelte impiantistiche e di processo in grado, da una parte di superare nel più breve tempo possibile la fase emergenziale e, dall’altra, di realizzare una gestione di eccellenza di tutte le fasi di trattamento dei rifiuti.

L’Assessorato e la Regione confermano l’obiettivo generale della riduzione della parte di rifiuti destinati alla discarica, con l’obiettivo di ridurre al minimo il loro conferimento presso il sito di Brissogne. Tale obiettivo generale comporta – oltre a un buon meccanismo di informazione e partecipazione dei soggetti interessati - tre obiettivi specifici e complementari: un migliore trattamento dei rifiuti che rafforzi il recupero di materia – con la realizzazione di impianti di separazione e selezione – un progresso sensibile nella raccolta e trattamento della frazione umida – su tutto il territorio regionale e con la partecipazione dei Comuni - e l’introduzione di un sistema di tariffazione capace di migliorare l’efficienza, l’equità e i meccanismi di costo del processo.

Secondo l’Assessore alle attività produttive, energia, politiche del lavoro e ambiente la presa d’atto della situazione di criticità emersa dalla recente indagine comporta un impegno di tutti – in primo luogo l’Amministrazione regionale, insieme agli operatori, agli Enti locali, alle Associazioni, ai cittadini - nel recuperare i tempi perduti nell’attuazione del Piano di gestione dei rifiuti e tendenzialmente nel migliorarlo.

Per leggere l'articolo off-line puoi scaricare il file in formato acrobat

Download articolo
EssPress - testata giornalistica della Valle d'Aosta, Loc Grande Charrière, 46 - 11020 Saint-Christophe (AO)
Tel +39 016544590 - Fax +39 0165516900 - Reg.Trib. Aosta 1/2013 - PI 01077330072
Direttore Responsabile Giovanni Sandri